Un bene culturale da comunicare e promuovere


Un patrimonio culturale da comunicare promuovere.

Patrimonio UNESCO dal 2003, compreso nella rete dei Sacri Monti del Piemonte e Lombardia, il Sacro Monte di Belmonte domina il territorio canavesano. E' situato all'inizio della valle dell'Orco che da Cuorgnè (TO) prosegue a lungo fino a Ceresole Reale, alle pendici del Monte Rosa. La sua storia è antichissima e le tracce dei primi insediamenti umani risalgono alla preistoria, con segni evidenti di insediamenti romani e longobardi. In epoca medioevale Belmonte diventa punto di riferimento devozionale e, leggenda vuole, che sia lo stesso Re Arduino a commissionare la nascita del Santuario. Il Sacro Monte arriverà più tardi, a fine '600 sulla scia del progetto più ampio, avviato a Varallo Sesia, dei Sacri Monti.

Leggi tutto

Audit gratis per il vostro sito web


Il web è selettivo.

Non basta avere un sito perchè i motori di ricerca lo trovino e, soprattutto, lo segnalino nelle prime posizioni dei risultati di ricerca.

Google impiega almeno 200 criteri per filtrare i dati forniti dai suoi "spider" e comporre le pagine dei risultati. Questo significa che se un sito non risponde ai "requisiti" imposti dal motore di ricerca, non comparirà in serp o avrà posizioni talmente lontane dalle prime pagine da non essere praticamente trovato da utenti e potenziali clienti. Un bel guaio, soprattutto in relazione allo scopo di farsi trovare prima dei propri competitors...

Come far sì che la realizzazione di un sito web sia un investimento in visibilità?

Leggi tutto

Ecco come cambia Facebook

Amici più vicini: il nuovo algoritmo di Facebook

facebookLa notizia è di questi giorni, l’annunciata modifica dell’algoritmo Facebook (non la prima e probabilmente neppure l’ultima) è arrivata.

Vuol dire che cambiano pesi e misure nella gestione del news feed, cioè della schermata che ci compare in bacheca.

La principale novità si delinea con un "ritorno alle origini": il nuovo algoritmo di facebook favorisce, infatti, amici e familiari, cioè le persone con le quali si hanno più contatti, con l’obiettivo di proporci i contenuti per noi più interessanti, meno spazio, invece è dato a pagine e gruppi. La scelta aziendale è voluta per migliorare l’esperienza nel social network e ridurre la popolarità di articoli dai titoli sensazionali che acchiappano click e conquistano l’attenzione di molti lettori, spesso poi delusi dai contenuti di scarso valore, e che in più sono premiati dall’algoritmo per il gran numero di interazioni di cui godono. 

Leggi tutto

Caffè digitali: rete e conversazioni

Caffè digitali. La rete è conversazioni

caffe digitaliStrutturare contenuti interessanti per avviare un dialogo efficace con i propri pubblici è fondamentale, ma come fare?

Innanzitutto sfruttando appieno le potenzialità della rete, che è relazionale e partecipativa, ed evitando lo stile di comunicazione “uno a molti”, tipico della comunicazione “tradizionale”, che non si addice al web 2.0.

I suggerimenti possono essere molti ma ci soffermiamo sull’importanza di dialogare, piuttosto che di parlare, di rendere la comunicazione adeguata e coerente, reattiva piuttosto che focalizzata su uno stile autoreferenziale che esclude, invece di includerlo, il nostro pubblico.

Leggi tutto

Caffè digitali: la web reputation

Caffè digitali. La web reputation è una cosa seria.

1caffe digitali

Abbiamo ripescato dal frasario un mantra della comunicazione "tradizionale", “L’IMPORTANTE E’ CHE SE NE PARLI”, per scoraggiare ogni tentazione che sia sufficiente “agitare le acque” per far crescere la la propria visibilità o quella del brand.

Se l’obiettivo è la popolarità, cioè essere conosciuti e affermati nella sfera internet, come se ne parla diventa una questione molto più importante di quanto accadeva prima del web 2.0. Nelle piazze virtuali i messaggi si propagano da uno a molti e loro diffusione diventa, non a caso, virale. Per questo gli ambiti da consolidare sono quello della reputazione per far sì che il web parli bene di noi, della nostra azienda o del nostro brand-e dell’autorevolezza cioè pubblicando sul web contenuti pensati non solo per attirare visitatori ma mirati a creare conversioni. Facile a dirsi ma a farsi?

Ci sono almeno tre ambiti che è bene approfondire per evitare errori nella rete.

Leggi tutto